Il team in scena

Il team in scena: l’IO , Nessuno e Centomila

Quale miglior dimensione metaforica del teatro per guardarsi dentro e mettersi in gioco. Quale migliore opportunità di allenarsi alla comunicazione riconoscendo tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione.

Ovviamente dire Teatro significa entrare in una dimensione fatta di tante possibili esperienze. Alcune più profonde per quanto si richiede al partecipante. Altre più impattanti per quello che si costruisce con il partecipante.

In linea di massima possiamo però affermare che nei diversi format i partecipanti sono guidati nel mettere in scena una rappresentazione  che li vedrà assoluti protagonisti. Il tipo di rappresentazione varia ed inevitabilmente implica un diverso processo.

Attraverso percorsi guidati, i partecipanti arrivano in modo divertente e coinvolgente ad elaborare numerose idee creative, da cui devono successivamente sviluppare il tema della propria rappresentazione. Che sia questa una sintesi di un’opera o la messa in scena di una Nostra versione di Musical.  O come accaduto di recente, immaginarsi di essere il personaggio pubblico preferito sottolineando quali caratteristiche il partecipante sente, o vuol far, proprie.

Altra fase fondamentale è quando lavorano alla messa in scena, a cui potranno contribuire eventuali competenze, inclinazioni o passioni dei partecipanti. E’ questo un altro modo di conoscersi. Scoprire competenze  inaspettate dei colleghi è certamente un forte impulso alla consapevolezza di team.

Per rendere l’evento più spettacolare, parallelamente si sviluppa un lavoro creativo di ideazione e realizzazione scenografica e di costumi, originale e costruita ad hoc. Questo ha molto senso nei grandi gruppi, in cui il lavoro di profondità che il teatro consente in gruppi contenuti, è sostituito dalla potenza scenica e dalla forza comunicativa dei colori.

Un’occasione divertente ed emozionante di cimentarsi in pubblico; un momento di confronto su temi strategici legati alla propria azienda, un allenamento importante in termini di consapevolezza, creatività ed ovviamente comunicazione. E’ un’occasione importante per parlare di flusso creativo, contagio emotivo, stili comportamentali ed è certamente una situazione perfetta per parlare di ASCOLTO.


Il teatro

Il teatro: perché farne un linguaggio formativo

Semplice, perché il teatro è formazione. E’fatto di ruoli, risorse, tempi da rispettare, limiti da esplorare e superare, è fatto di parole e silenzi e semplici gesti. Il teatro e le attività outdoor sono le prime forme conosciute di formazione oltre l’aula. Le prime metafore utilizzate nella formazione aziendale per rinforzare quegli aspetti che la  formazione tradizionale non riusciva a toccare se non superficialmente. Nel teatro è facile ( più intuitivo che con altre metafore ) individuare tre ambiti di allenamento: CREATIVITA’, COLLABORAZIONE e CONSAPEVOLEZZA.

E col teatro lo si vive in modo fisico, tangibile, in prima persona. Ed aiuta il partecipante a ri-scoprire una serie di risorse fondamentali che il più delle volte non conosciamo appieno.

Partiamo dalla considerazione che le parole trasmettono solo una piccola percentuale delle informazioni, a saperle usare; il resto è lasciato ai gesti, al tono di voce, al viso. Le emozioni traspaiono da come utilizziamo gli spazi, dai segni, dai suoni utilizzati e dal contatto fisico…da come percepiamo il nostro spazio e quello dei colleghi, inizialmente studiando le distanze e poi semplicemente “sentendole”.

Il lavoro attoriale  è proposto per  preparare chi dovrà parlare in pubblico, chi dovrà gestire risorse umane, chi si trova ad avere sotto e sopra tutto un sistema con cui interagire. E ci permette di farlo con senso di avventura, divertimento ed emozione, pilastri su cui costruire tutte le diverse esperienze che bonariamente le aziende mi affidano da qualche anno.

In sintesi l’approccio esperienziale propone l’utilizzo del corpo e della fisicità come strumento per comunicare e relazionarsi con più efficacia: il pubblico diventa attore, il divertimento diventa training, l’azione diviene comunicazione.


Pensiero creativo

Il pensiero creativo

Il pensiero creativo come risorsa. O pensiero divergente. Controllato dalla parte destra del cervello ha valore se in equilibrio con quello logico-deduttivo, o convergente. Cosa significa lo si impara sperimentando. Quando il cervello apprende una nuova chiave di lettura la usa come nuova risorsa a disposizione.

I format costituiscono certamente una spiegazione efficace, ed allo stesso tempo un allenamento immediato. La verità che quasi tutti i format lavorano sul pensiero e con il pensiero creativo. Alcuni prevedono la sua applicazione da un punto di vista cognitivo ed anche fisico.



Tra Musica e Teatro: La parata

La parata: la diversità come valore, la creatività come risposta, il movimento come strumento comunicativo.

Con questa attività il team è impegnato nella costruzione di un vero e proprio spettacolo teatrale. La metafora utilizzata è un genere teatrale particolare:

la Parata, il teatro di strada sudamericano. E’una forma di teatro caratterizzato da discipline ed arti diverse che collaborano.

I partecipanti a questo corso sono suddivisi in sottogruppi che si cimentano con discipline diverse:  un’orchestra, un coro, una coreografia, una scenografia…Stiamo inserendo degli elementi altamente tecnologici per sviluppare il format 2.0.

In sintesi ciascun sotto-gruppo è impegnato nella costruzione del proprio intervento, attraverso attività emozionanti, avvincenti, divertenti, originali e ricche di metafore del lavoro in team. Avere a che fare con arti diverse permette al partecipante di cimentarsi in qualcosa che ha scelto.

Un team di trainer professionisti segue la preparazione dei partecipanti attraverso precisi step che sviluppano l’interazione, la collaborazione, l’integrazione tra gli stessi.

I sottogruppi sono quindi assemblati dando vita ad uno spettacolo di solito indimenticabile. Metafora potentissima sulla valorizzazione delle diversità.

Costituisce un ottimo mezzo per motivare un team in maniera assolutamente inaspettata. E’un format da poche parole e tanta azione.